Al dialett par difend al multicültüralismo

Par cuminciaa al me articul con un paragon, podresi dì che al dialett l’è cume la fisarmonica, perché sa pensa spess che chisti do ropp i vaga ben dumà in un’osteria o in una balera.
L’è però mia inscì: se con l’ “’armonica” sa pò sonaa anca la müsica clasica (chela dificila eh!), ala stesa manera parlando dialett sa pò fa di discurs seri.

Tra i vari carateristic che definis una società, nal senso da un grüpp da person, a gh’è sicürament la lingua. Parlaa la stesa lingua, oltre a permetom da capii i altri gent, a crea infatti un senso da comünanza, fasendom pensaa che “anca chel lì l’è come mi”. Natüralment al dialett da Airöö l’è mia stess da chel da Ciass, chesto al contribüis apunto a fa dala lingua un ascpett molto important par disting i person che vif, ad esempi, in di vari region dal nost Canton.
Pürtropp però, da nüm tanti volt al dialett al vegn pü parlaa gnanca da chi fin a poc temp fa il la parlava. Vün di esempi püsee clasic l’è che di genitori che insegna mia al dialett ai propi fiöö, forse con la pagüra che chisti ültim i poda veg dificoltà o fa tropa fadiga a imparaa l’italian a scöla.
Dato che al dialett l’è una lingua principalment parlada e mia scrita, fasendo inscì chesta lingua la vegn pü imparada dai nöf generazion e la gent che a la parlarà la sarà sempro meno, pecaa.
In Scvizera tedesca la sitüazion l’è invece diversa: “in denta” al dialett l’è praticament la lingua üficiala. A part in di scöl, indua i dövres insegnaa al “bon tedesc”, in tüc i altri ambiti dala vita a vegn infatti dropaa al “schwiizerdütsch”, che l’è pö nient altro che al dialett di tedesc.
Chesto al iüta sicürament a mantegnii la propria identità, che cume ho scritt sura la pò ves protegiüda anca ‘travers la lingua.
In Tesin sem spess, e osaresi dì anca tropp, inflüenzaa dall’Italia. Da una part l’è anca logic, dato che al Tesin l’è popolaa da poc püsee che 330’000 person, mentre in Italia la popolazion la cünta 60 milion e pasa da person.
“Dalà dal Gotart”, pür cambiando i nümar, la situazion l’è però mia inscì. L’influenza che la Scvizera tedesca la ricev dala visina Germania l’è infatti molto püse debula da chela che i ticines i ricev dall’Italia. Sum sicür che almeno una part dal merito la def ves daia al “schwiizerdütsch”, che parlaa da tüta la gent al contribüis a crea una certa distanza dala Germania.
Con chesto a vöri asolütament mia dì che i diversi paes i deva mia ves in contat tra da lur: sares impensabil. L’è giüstisim che ga sia di legam, tanto pü che sem in una società sempro püsee globalizada. Pensi però che chisti legam i dövres mia portaa ad una omologazion dai person, ma i dövres anzi favorii al rispett tra i vari gent (con i propi tradizion e cültür) che i sa ritrova in dal stess sit. Par favorii una società multicültüral l’è quindi indispensabil che sium nüm i prim a portaa avanti la nostra cültüra e i nosct tradizion, in altri parol: se la noscta identità la scumpariss a podrem mia veg una società multicültüral, ma g’avrem invece una società “omologada”, formada cioè da person tüc istess tra da lor. Bisogna comunque mia pensaa da ves i miglior, anzi, devum ves bon da ciapaa i lati positif anca da altri realtaa, ricordandos però sempro i nosct origin, sia par chel che riguarda, apunto, i carateristic sia positif che negatif.
Probabilment sa ga pensaa mia asee, ma dadree a chesta lingua a gh’è quindi queicos püsee che giüsta una posibilità da comünicaa: al dialett l’è una gran risorsa, che fa part dal nosct pasaa, dal nosct present e speri anca dal nosct fütür.

Propi par promöv la me idea, ho inscì decidüü da (provaa a) scrif chesto articul in dialett, anca se a ‘sto punto l’era pö inütil che v’al disevi, giüsct?

Erre

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Svizzera, Ticino. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Al dialett par difend al multicültüralismo

  1. Skiantato ha detto:

    Tutti i dialetti d’Italia (compreso il nostro) devono essere non dico studiati a scuola ma tramandati nelle generazioni, assolutamente salvaguardati. Parole in più significano immagini in più, il plurilinguismo inspessisce la rete che usiamo per catturare ogni giorno le informazioni più disparate: più la maglia è stretta e più saremo colti.

    Esistono bellissime parole in dialetto, che danno molto più l’idea di altre, dunque sono più eloquenti: un esempio che vale per tutte: «pufat», una persona in banca rotta.

    Le due guerre e la televisione hanno omologato la parlata, bene posso parlare con un napoletano senza particolari, oddio, problemi. Male però se entrambi non coltiviamo anche la nostra lingua originale, legata intrinsecamente alla nostra storia. Occhio al facile leghismo: il dialetto è incontro, non scontro.

  2. giorgio ha detto:

    La lengue l’è na robo vivi, ma la pò an murii se a ghé più el busegn da parlala. Per salvèe el dialet, ag guaress salvèe prima da tut el teritori e la sgenn. Se el stèe inseme un ghé più, a méer an ael dialet. Una volto as laurava in del sit c’as neséve, as parlava e as tramandava el dialett. Adéss as va dapartut e as finiss par parlèe una lengue chi capiss an i altri. Se mi a parli in dialet da Prons (chest c’a dori adéss) im scolto gnisun. Difenn el dialett a va ben, ma in manére natural, sa da no l’é “un artificio”.
    gene

  3. Rambaldo ha detto:

    Al dialett l’è cültüra e dunca al dovresa ves tramandò da generazion in generazion segonda la volontà da chi ‘lla parla. Come tanti rop cültürai, pürtrop, al pò ves perdü, se la gent che dovresa mantegnil vif la sa sforza mia per fal. Toca a nüm, che sem cresü col dialett, ch’em imparaa a parlal e che, grazie a noni, bisnoni, pà e mam em imparaa a pensà cola manera dialetal, toca a nüm tramandal ai prosim generazion, per mia perd una cültüra che l’è sicurament mia indispensabila, ma che come tanti rop la pò ves molto ma molto ütila e che la pò slargà i’orizzont di nos vedüd.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...