È morto il Nano

Ebbene sì, è proprio così. Nemmeno io ci ho creduto subito quando ho letto la notizia sui soliti portali ticinesi, quelli che ti danno le notizie e magari dopo un paio d’ore le smentiscono. Però su certe cose non si scherza, certe cose sono serie e così vanno trattate. La morte di una persona è una cosa seria, è una di quelle cose che, in un modo o nell’altro, ti tocca sempre, perché è normale che sia così. Se poi a venir meno è un personaggio del calibro di Giuliano Bignasca è chiaro che qualcosa nella realtà dei fatti quotidiani cambia.

Il Nano era diventato un personaggio preponderante nel panorama politico ticinese, probabilmente era diventato in assoluto il politico più famoso del cantone. Tutti lo conoscevano, molti lo seguivano, alcuni lo percepivano con ambiguità, in tanti non potevano sopportarlo. Il suo modo di fare politica era molto discusso e discutibile, tanto che si erano create forti manifestazioni di dissenso nei confronti dei suoi modi di fare e di comunicare.

Non voglio fare un elogio funebre o riproporre le frasi fatte che tanto si sono sentite nelle decine di interviste ad amici, colleghi politici, compagni di partito, ecc. per ricordare il presidente a vita della Lega dei Ticinesi, perché in realtà le sue idee non le ho mai condivise, anzi lo ho sempre combattute. Non voglio nemmeno modificare il mio modo di pensare, le mie convinzioni di fronte alla morte di Giuliano Bignasca, perché sarebbe ingiusto verso me stesso, i miei ideali, ma anche verso Bignasca (anche se personalmente non l’ho mai conosciuto). Di complimenti per il Nano se ne sono sentiti a bizzeffe, anche di impensabili e da parte di persone che mai ne hanno proferiti quando Bignasca era in vita.

Si sa che l’animo umano è fragile, si sa che la morte è sconvolgente, però l’ipocrisia che sta avvolgendo il mondo politico ticinese fa davvero poco onore a tutti quelli che questo mondo lo popolano, ai cittadini che lo hanno eletto e a Giuliano Bignasca, che se aveva una qualità era proprio quella di saper mandare la gente “a quel paese” quando ne sentiva la necessità! Sentire di avversari politici sconvolti, di presidenti di partiti di sinistra che tessono le lodi per le lotte sociali del Nano (cioè di uno xenofobo che nel tempo libero e non se la prendeva con i frontalieri, colpevoli di essere dei “poveri cristi” che fanno i chilometri ogni giorno per non morire di fame), di presidenti di partiti di centro che per la disperazione devono correre ad inforcare i pedali (non prima di aver mandato a tutti i media un comunicato stampa per farlo sapere all’intero cantone però), dopo tutte queste reazioni ci si chiede davvero quanto possa essere grande la falsità di molti politici ticinesi.

Giuliano Bignasca non ha mai difeso ideali che si avvicinassero ai miei, quindi non ho intenzione di lodarlo. Però non voglio nemmeno screditarlo, semplicemente eviterò di parlare di quanto ha fatto nella sua vita, almeno ora, almeno per rispetto dei familiari. Volevo solo far notare quanta poca sincerità sia emersa da questo cantone in un’occasione sicuramente particolare. La morte del Nano porterà probabilmente uno scossone politico non indifferente, che almeno nell’immediato – ovvero per le elezioni comunali a Lugano – sarà a favore della Lega. Perché il mondo è fatto così, di opportunisti che cercano di portare a proprio vantaggio anche le situazioni apparentemente più “sacre” ce ne sono tanti (mi chiedo come mai le interviste più lunghe nella giornata di ieri, quella del grande lutto, le abbiano rilasciate proprio i due papabili alla poltrona di sindaco di Lugano…). La politica è fatta di falsità, di opportunismi, di mezze verità, di bei sorrisi e inarrestabili pianti. E manca di quel qualcosa che nemmeno Bignasca aveva, ma che farebbe comodo a molti: un minimo di coerenza.

Rambaldo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Polemica varia, Ticino. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...